Chi siamo

Chi ci conosce da un po’ ricorderà che questa sezione del sito recitava:

Siamo Paolo e Francesca, ma non siamo di Rimini, bensì di un'altra bella città sull'Adriatico: Trieste.

Siamo innamorati da sedici anni e sposati da sette, e siamo anche i fortunati genitori di... Beatrice, ovviamente.

È ancora tutto vero, ma nel frattempo, tra una collezione Imprint e una Shetland Flannel, tra una Gorjuss e dei Ghastlies, siamo riusciti a fare anche Valentino. Non nel senso che vogliamo emulare lo stilista, nel senso che abbiamo messo al mondo un patatone bellissimo, con le ciglia lunghissime, che tutti prendono per una bambina oversize.

Valentino è piccolo ancora piange spesso, ma per fortuna la nostra Beatrice è una sorella affettuosa e ci aiuta prendercene cura.

Chi siamo

Insieme, i rampolli Patchwork Victim ci assorbono il 90% delle energie.

Si vede che questa “cosa” dell’e-commerce di stoffe da patchwork ci appassiona parecchio e ci viene anche discretamente bene, dato che con il 10% di energie rimanenti - e una buona dose di nonni - riusciamo a soddisfare i clienti (che supponiamo siano contenti, dato che il loro numero aumenta) e a mantenerci in vita!

L’organizzazione è invariata.

Paolo si occupa dell'aspetto tecnico del sito, mentre io, Francesca, continuo a curare la selezione delle stoffe, i progetti e i kit delle proposte temporanee, i contenuti del sito... la parte divertente, insomma.

Sono sempre tanto appassionata di patchwork e cucito creativo. Per chi non lo sa, in passato ho macinato migliaia di chilometri in quiltature e altrettanti in treno e pullman per visitare le fiere del settore e scovare le “stoffine” (io chiamo così le stoffe americane, perché di solito sono buffe e in pezze piccole) più nuove, belle e adatte ai miei progetti. Tutt’ora faccio chilometraggi rispettabili, almeno alla macchina da cucire.

Da anni accarezzavo il sogno di far diventare questo mio hobby una vera attività. Il traguardo è ancora lontano, ma sempre meno. Intanto, l’e-shop Patchworkvictim.it è stato il primo passo, ed è grazie ad esso ne stiamo muovendo altri (sapete del negozio in muri e stoffe, vero?).

Insostituibile è il mio adorato suocero, Gianni, che mi ha permesso di lanciarmi in questa emozionante avventura grazie alla cooperativa che gestisce e alla quale mi appoggio per le questioni amministrative.

Altri amici e parenti ci sostengono con i loro consigli, le loro critiche e i loro piccoli e grandi contributi, così possiamo dire di essere un'attività familiare, nonostante la preparazione e l'atteggiamento professionale che ci viene dalle nostre esperienze lavorative e dal supporto fornito da professionisti operanti nel settore della comunicazione: i testi del sito sono a cura di Lorenza Pravato, il logo è stato ideato da PiKa Soluzioni grafiche.

E, naturalmente, tutto questo è possibile anche grazie ai nonni, che ci permettono di dormire e lavorare!